Cosa puoi fare per riportare equilibrio nel tuo sistema nervoso?

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Stimolare la “reazione di calma e connessione” con Mindfulness e Biofeedback

In un precedente articolo, abbiamo parlato della nostra salute psico-fisica come il risultato di un buon equilibrio tra l’attivazione del sistema nervoso simpatico (sistema di attacco o fuga) e il sistema nervoso parasimpatico (sistema di calma e connessione), entrambi indispensabili per la nostra vita.

Se ad attivare la reazione di attacco o fuga (e quindi il sistema simpatico) ci pensano già abbondantemente gli stimoli ambientali e le situazioni percepite come stressanti, utile risulta fare, in modo attivo e consapevole, qualcosa per stimolare l’attivazione della reazione opposta e complementare.

E se ora vi starete chiedendo “E’ possibile intervenire sull’attivazione di una parte del sistema nervoso?”, la risposta è un bel Sì convinto!

Già di per sé, il sostegno psicologico, rappresentando una relazione terapeutica basata su ascolto empatico e supporto emotivo, favorisce nel paziente l’attivazione della reazione di calma e connessione, con la conseguente acquisizione di abilità nell’influenzare positivamente il proprio stato anche fuori dal contesto terapeutico.

Lo scambio tra psicologo e paziente, attraverso feedback reciproci, favorisce la regolazione emotiva e di conseguenza il riequilibrio dell’attivazione psicofisica.

Esistono, nello specifico, alcuni approcci e strumenti, che, se utilizzati all’interno del percorso di psicoterapia, stimolano il sistema parasimpatico, con conseguenti sensazioni di maggiore equilibrio e serenità. Tra questi, sicuramente da citare risultano la Mindfulness e l’utilizzo di apparecchiatura Biofeedback.

La Mindfulness: di cosa si tratta?

La Mindfulness è stata definita come “la consapevolezza che emerge quando nel momento presente si presta attenzione, intenzionalmente e senza giudicare, all’esperienza nel corso del suo svolgimento” (Kabat-Zinn, 2003). La nostra mente ha la possibilità, sicuramente adattiva in molte situazioni, di spaziare nel tempo. Quando, però, si perde il contatto con il momento presente, trascinati da pensieri riguardanti il passato o il futuro, viene meno anche la possibilità di sentire ciò che accade dentro e intorno a noi in quel preciso momento e quindi la possibilità di scegliere come reagire, in base al contesto e a ciò che riteniamo importante per noi.

Un approccio mindful consente di spostare il focus attentivo sull’esperienza che stiamo vivendo in un preciso momento e in uno specifico luogo, quindi al “qui e ora”, con curiosità e senza giudizio.

Sono stati individuati degli effetti neurofisiologici di una costante pratica Mindfulness, come l’aumento del volume della corteccia prefrontale e dell’ippocampo, riduzione del volume dell’amigdala, aumento della produzione di serotonina e melatonina: come effetti secondari, la Mindfulness, quindi, porta un miglioramento delle capacità attentive e mnemoniche, riduzione di ansia e stress e miglioramento dell’umore.

È importante, però, specificare che l’obiettivo della pratica non è essere costantemente presenti nel qui e ora o modificare il flusso di pensieri se non corrispondenti a ciò che vorremmo (impossibile farlo), bensì permettere di riportare consapevolmente l’attenzione su ciò che si sente e si fa, quando se ne avverte la necessità.

Biofeedback: di cosa si tratta?

Il Biofeedback, utilizzato in psicoterapia, consiste in un processo di apprendimento, associato a cambiamenti cognitivi, emotivi e comportamentali, che consente di intervenire sulla propria fisiologia, al fine di migliorare la salute psicofisica e/o incrementare una performance. Questo processo avviene attraverso degli strumenti precisi che misurano l’attività fisiologica (battito cardiaco, respirazione, attività muscolare, temperatura e conduttanza cutanea), e che la ripropongono, in forma di feedback visivo o acustico, con un grado elevato di accuratezza attraverso appositi software.

Poiché ogni cambiamento psicologico influenza l’attività fisiologica e viceversa, avendo a disposizione un accurato feedback fisiologico, è possibile sviluppare abilità di autoregolazione. Raggiungere una migliore regolazione fisiologica vuol dire raggiungere una maggiore flessibilità nel passare da uno stato di maggiore a uno di minore attivazione in base alla situazione in cui ci si trova e questo ha positive ripercussioni sul funzionamento generale dell’individuo.

Il fattore comune tra Mindfulness e Biofeedback è quello di non avere semplicemente la possibilità di intervenire clinicamente sul sintomo specifico: queste tecniche consentono una generale rieducazione del paziente, fornendo strumenti trasversali, per stimolare una maggiore consapevolezza del proprio stato interiore e stimolare la reazione di calma e connessione in qualsiasi momento.

 

Per saperne di più:

https://www.centronovamentis.it/la-nostra-salute-questione-di-equilibrio-tra-sistemi/

https://terapeutaonline.it/migliorare-il-benessere-emotivo-e-fisico-con-la-mindfulness/

https://www.centronovamentis.it/un-modello-integrativo-sullefficacia-degli-interventi-di-biofeedback-per-la-regolazione-dellansia-viewpoint/

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi ricevere i nuovi articoli via Mail?

Iscriviti alla nostra Newsletter e ogni mese riceverai una mail con i nuovi articoli pubblicati.

Altro da scoprire

Adulti
Dott. Alessandro De Renzi

La gestione della rabbia

La rabbia è una reazione necessaria e benefica, una risposta biologica protettiva che però può diventare un’emozione devastante capace di modificare la percezione della

Un Centro di eccellenza

Con sedi cliniche a Galatina e Casarano e professionisti partner su tutto il territorio nazionale, il Centro è un autentico polo di riferimento nel Sud Italia nell’ambito della psicoterapia, della neuropsicologia e delle neuroscienze cliniche integrate.