Diagnosi e trattamento disturbi d’ansia e stress correlati

Un Centro d’eccellenza nel trattamento dei disturbi d’ansia e stress correlati

Premessa

Da molti anni ormai, la terapia cognitivo-comportamentale (TCC) si è imposta come l’intervento psicologico d’elezione per il trattamento dei disturbi d’ansia e dei disturbi stress–correlati.
Le linee guida internazionali per il trattamento del disturbo d’ansia generalizzato consigliano questa psicoterapia per i soggetti che scelgono un intervento non farmacologico, o psicoterapico con integrazione farmacologica.

Uno degli aspetti che caratterizzano questa forma di psicoterapia, infatti, è il suo essersi da subito messa alla prova attraverso sperimentazioni scientifiche. La motivazione alla base di questo atteggiamento è ovvia: poter dimostrare l’utilità di questo approccio terapeutico in maniera oggettiva, quantificabile e replicabile.
La TCC si caratterizza quindi perché: pratica e concreta; orientata allo scopo; collaborativa; a breve termine; in continua evoluzione metodologica.

L’evoluzione delle metodologie della terapia cogntivo-comportamentale ha permesso a questo modello di integrarsi alla perfezione con le neuroscienze e con ai suoi strumenti innovativi, garantendo efficacia e massima avanguardia nei protocolli di valutazione e trattamento dei disturbi d’ansia e stress correlati.

Il biofeedback per la valutazione e il trattamento dei disturbi d’ansia e stress correlati

Il Biofeedback fa parte della classe di metodologie d’intervento non-farmacologici, non invasivi, totalmente indolore, di dimostrata efficacia e di breve durata. Gli effetti sono a lungo termine e non occorre effettuare ulteriori sedute o sedute periodiche.
Il Biofeedback si è dimostrato efficace nel trattamento dei Disturbi d’Ansia (ansia generalizzata, attacchi di panico, ansia sociale, disturbo ossessivo-compulsivo, preoccupazione ricorrente) e Stress-correlati (cefalea, stanchezza cronica, fibromialgia, colon irritabile, dermatite psicosomatica, dolore cronico).
Esso agisce attraverso la normalizzazione delle risposte fisiologiche dello stress, che possono essere misurate attraverso una valutazione psicofisiologica.

Di cosa si tratta

La valutazione avviene utilizzando una strumentazione elettromedicale, non invasiva, che rileva le reazioni fisiologiche del corpo a stimoli stressogeni interni (pensieri o emozioni non codificate) o esterni (alterazioni della respirazione, della tensione muscolare, stimoli sonori, stimoli visivi). Attraverso questo sistema è possibile comprendere e oggettivare (misurando parametri quali: la tensione muscolare, la respirazione, le variazioni della temperatura corporea periferica o della frequenza cardiaca, della conduttanza della pelle) come reagisce il nostro corpo a specifiche sollecitazioni mentali, piuttosto che avere un indice del livello di stress in un determinato periodo di vita.

A cosa serve

Nel corso di un trattamento in biofeedback, sia il paziente che il biofeedback therapist, possono osservare le funzioni fisiologiche alterate (attività cardiaca, respirazione, temperatura, ecc.) direttamente sul monitor. Attraverso l’uso di specifiche strategie che vengono apprese nel corso delle sedute, il paziente utilizza queste conoscenze per imparare a riconoscere e a modulare le stesse funzioni fisiologiche alterate, riuscendo in tal modo a gestire autonomamente e a trattare con efficacia il problema dell’ansia e della sintomatologia stress-correlata.

*Il biofeedback è in oltre particolarmente efficace nel trattamento degli attacchi di panico di tipo respiratorio, e cioè quegli attacchi di panico che si manifestano oltre che con la tachicardia, con una prevalenza di sintomi respiratori, come il respiro corto, la sensazione di soffocamento, i formicolii alle estremità del corpo, dolori al petto ed anche la paura di morire.

In sintesi il biofeedback

SERVE PERCONSENTE DI
Aumentare la consapevolezza delle reazioni del corpo alle situazioni stressanti e delle conseguenti risposte emozionali.Aumentare il senso di autoefficacia nella gestione delle proprie emozioni;
Acquisire una reale capacità di rilassamento;

Il primo passo da compiere è la valutazione, funzionale sia alla conoscenza del profilo clinico e psicofisiologico del paziente, che allo scopo di approfondimento della tecnica per una scelta consapevole e sicura dell’eventuale percorso da intraprendere.

Prenota la Prestazione

Richiedi Informazioni