I Pregiudizi nella relazione educativa dei bambini

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

“Devo finire tutti i compiti altrimenti sono considerata diversa o agevolata rispetto agli altri…”

“Devo fare bene i compiti altrimenti non sono brava come gli altri..”

Queste sono tipiche affermazioni che si ripetono frequentemente durante l’attività di Doposcuola Specialistico o in contesti scolastici e familiari da parte di bambini/ragazzi con Disturbi dell’Apprendimento ma non solo.

I pregiudizi educativi o formativi derivano principalmente dalla tendenza del genitore di costruire un immagine “perfetta, idealizzata” del proprio figlio e di proiettarlo sullo stesso e dalla convinzione che pretese severe e critiche possano portare a risultati migliori.

Ciò porta il bambino/ragazzo a interiorizzare questi pregiudizi come “ordini” che limitano la libertà e la spontaneità della persona.  Ordini come “Sii perfetto”, “Sii preciso”, “Compiaci”, “Sii veloce”, “Tenta disperatamente”, ”Sii obbediente” rappresentano condizioni imposte al bambino/ragazzo per essere accettato e amato.

Qualora tali ordini si trasformino in coercitivi e opprimenti, insorge il problema relazionale tra bambino- genitore, bambino-docente e genitore-docente.

Nel momento in cui le capacità  del bambino/ragazzo non rispecchiano gli “ordini” impartiti dagli adulti  si genera un conflitto interiore che sviluppa un senso di inadeguatezza, incapacità e inferiorità che può avere inizio già in età precoce.

Per cui, tale modalità “educativa” si rivela pericolosamente ingannevole e distruttiva.

Da ciascuno secondo la sua capacità,  a ciascuno secondo il suo bisogno.

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi ricevere i nuovi articoli via Mail?

Iscriviti alla nostra Newsletter e ogni mese riceverai una mail con i nuovi articoli pubblicati.

Altro da scoprire

Adulti
Dott. Alessandro De Renzi

La gestione della rabbia

La rabbia è una reazione necessaria e benefica, una risposta biologica protettiva che però può diventare un’emozione devastante capace di modificare la percezione della

Un Centro di eccellenza

Con sedi cliniche a Galatina e Casarano e professionisti partner su tutto il territorio nazionale, il Centro è un autentico polo di riferimento nel Sud Italia nell’ambito della psicoterapia, della neuropsicologia e delle neuroscienze cliniche integrate.