Vorrei essere un Geco dalla coda di foglia. La storia di Giorgio e le sue paure

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

È difficile la mia vita, lo sai dottoressa?

Navigo ogni giorno tra le mie paure, mi chiedo, ma perché dobbiamo sempre affrontare mille sfide?

Soprattutto a scuola mi sento molto “piccolo” di fronte alle mie maestre, non posso non scappare, loro sono forti, io non sono nessuno. Il vero incubo è la mattina appena mi sveglio, la sola idea di andare a scuola mi fa stare male; poi va sempre peggio…arriva quella frase che tanto odio.

“Allora bambini iniziamo con le interrogazioni?”

Mi manca l’aria, la mia testa…oddio la mia testa è vuota! dove sono finite tutte le informazioni che avevo messo ieri sera? La maestra diventa sempre più grande e so benissimo che distruggerà la mia giornata, ho bisogno di alzarmi e andare via.

Vorrei essere un geco dalla coda di foglia, lui sì che è un grande!!. È un animale specializzato nell’evitare predatori, grazie alla sua incredibile capacità mimetica. Ad esempio può appiattire il proprio corpo contro la superficie sottostante per ridurre l’ombra e può lasciar cadere la propria coda volontariamente per confondere il predatore. Ecco, mimetizzarmi mi sarebbe molto di aiuto.

Questo è ciò che Giorgio racconta, un intenso impulso di fuggire e sottrarsi alla situazione. La sua storia è simile alla storia di tanti bambini e adolescenti che sperimentano l’ansia, ovvero uno stato emotivo a contenuto spiacevole caratterizzato da timori e preoccupazioni in assenza di un pericolo reale. L’ansia è ritenuta “normale “se svolge una funzione adattiva: ciò vuol dire che è funzionale alla sopravvivenza e all’adattamento dell’ambiente. Cosa intendiamo nello specifico, un po’ d’ansia nel sostenere un compito scritto oppure delle interrogazioni, potrebbe facilitare una migliore prestazione, aumentando quindi le probabilità di successo. Ecco cosa si intende quando parliamo di ansia moderata e che quindi svolge una funzione adattiva. Diverso è, se il bambino, invece di avere un po’ d’ansia, è paralizzato dalla paura di non farcela, di non sapere abbastanza, di voler scappare, di essere mal giudicato dai docenti, tutto ciò interferisce negativamente con la sua prestazione scolastica. Ecco che l’ansia, così espressa, ha una funzione disadattiva.

Riconoscere precocemente la presenza di un Disturbo d’ansia nei bambini e adolescenti è di fondamentale importanza al fine di diminuire il rischio di insorgenza.

I dati disponibili in letteratura scientifica suggeriscono come la terapia cognitivo-comportamentale rappresenti l’intervento di maggiore efficacia nel trattamento dei disturbi d’ansia di bambini e adolescenti.

Dott.ssa Sara Valente – Psicologa

FONTE BIBLIOGRAFICA: “L’Ansia nei bambini e negli adolescenti”. Riconoscerla e affrontarla (a cura di M. Pontillo, S. Vicari 2020)

Photocredit: Bambino foto creata da freepic.diller – it.freepik.com

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi ricevere i nuovi articoli via Mail?

Iscriviti alla nostra Newsletter e ogni mese riceverai una mail con i nuovi articoli pubblicati.

Altro da scoprire

Adulti
Dott. Alessandro De Renzi

La gestione della rabbia

La rabbia è una reazione necessaria e benefica, una risposta biologica protettiva che però può diventare un’emozione devastante capace di modificare la percezione della

Un Centro di eccellenza

Con sedi cliniche a Galatina e Casarano e professionisti partner su tutto il territorio nazionale, il Centro è un autentico polo di riferimento nel Sud Italia nell’ambito della psicoterapia, della neuropsicologia e delle neuroscienze cliniche integrate.