CONOSCIAMO INSIEME I DSA E LE LORO EMOZIONI

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Valentina Francioso – Dott.ssa in Psicologia

Durante una serata tra amici, parlando del più e del meno, Eleonora mi racconta il rientro a scuola di sua figlia Cristina. Mi riferisce che, il giorno prima del rientro, Cristina era felicissima di rivedere finalmente i suoi compagni di classe e le sue maestre, era entusiasta di ricominciare ad andare a scuola e di fare i compiti perché oramai era diventato noioso stare a casa.

Ad un certo punto, il focus del discorso si sposta su un compagno di classe di Cristina: Gioele.

Gioele è un bambino che si rifiuta di svolgere le attività proposte dalle maestre, non collabora e si distrae facilmente. A volte risulta aggressivo nei confronti dei suoi compagni, altre volte si isola da loro.

“E’ un bambino proprio strano! In classe disturba e a casa non studia!” esclama Eleonora.

ATTENZIONE! È arrivato il momento di andare oltre gli stereotipi del bambino che non ha voglia di fare, che non si impegna, che non studia, che non sa!”. Conosciamo insieme i DSA!

I DSA sono i Disturbi Specifici dell’Apprendimento che coinvolgono l’abilità di lettura, di scrittura e di calcolo: la difficoltà di lettura è conosciuta come dislessia, le difficoltà in scrittura come disgrafia e disortografia, la difficoltà di calcolo come discalculia.

Queste difficoltà incrementano nei bambini un senso di sfiducia nelle loro abilità, il rifiuto per la scuola, l’insorgenza di ansia scolastica, i cambi d’umore e causano anche manifestazioni somatiche.

Perciò in una classe si possono osservare bambini che non credono in sé stessi, di conseguenza si sentono in colpa per tutti i loro insuccessi scolastici e pensano o ripetono frasi come “non lo so fare”, “non sono capace”, “gli altri lo sanno fare, io no”; bambini che percepiscono la scuola come un ambiente minaccioso, pericoloso e da evitare in qualsiasi occasione (non solo nel caso di interrogazioni e verifiche); bambini che dichiarano, prima di andare a scuola o nelle prime ore scolastiche, di aver mal di pancia, nausea, vertigini, mal di testa oppure hanno una vera e propria crisi di pianto; bambini che si rifiutano di svolgere tutte quelle attività che per loro sono fonte di disagio ed umiliazione, che si distraggono durante la lezione o lo svolgimento dei compiti, che risultano aggressivi o molesti nei confronti dei compagni oppure si isolano e cercano di “nascondersi” nel gruppo classe; infine, bambini che hanno difficoltà ad addormentarsi o si svegliano ripetutamente durante la notte.

Tutti questi comportamenti vengono messi in atto dal bambino per evitare tutte quelle attività che per lui rappresentano degli ostacoli insuperabili e che svalutano la propria immagine. Inoltre, questi comportamenti variano a seconda del bambino ossia delle sue caratteristiche.

Adesso, crediamo davvero che Gioele sia così strano?

Assolutamente no! Gioele ha le sue caratteristiche, come ognuno di noi. Come disse José Pascal: “Il mondo è bello perché è vario”.

Valentina Francioso – Dott.ssa in Psicologia

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Questo articolo ha un commento

  1. Salvatore

    Brava Dott.ssa Valentina. Buon lavoro!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi ricevere i nuovi articoli via Mail?

Iscriviti alla nostra Newsletter e ogni mese riceverai una mail con i nuovi articoli pubblicati.

Altro da scoprire

Adulti
Dott. Alessandro De Renzi

La gestione della rabbia

La rabbia è una reazione necessaria e benefica, una risposta biologica protettiva che però può diventare un’emozione devastante capace di modificare la percezione della

Un Centro di eccellenza

Con sedi cliniche a Galatina e Casarano e professionisti partner su tutto il territorio nazionale, il Centro è un autentico polo di riferimento nel Sud Italia nell’ambito della psicoterapia, della neuropsicologia e delle neuroscienze cliniche integrate.