Genio o gifted? La plusdotazione: come riconoscerla e come intervenire

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Capita di ascoltare genitori parlare dei propri figli con fierezza e a volte con preoccupazione, ma quando si parla di bambini “troppo intelligenti”, tutti concordano che siano dei genitori davvero fortunati.

Ma quando si parla di “troppa intelligenza” e quando di plusdotazione?

La nota del MIUR 562 del 2019 ha inserito ufficialmente la plusdotazione tra i Bisogni Educativi Speciali. Ma perchè? Chi sono le persone gifted?

Con il termine plusdotato” (gifted) si identifica solitamente un individuo che, rispetto ai pari, mostra o ha il potenziale per mostrare un’abilità sorprendente in un determinato momento e in specifiche aree considerate di rilievo nella propria cultura di appartenenza (Keating, 2009; Pfeiffer, 2012; Sternberg et al., 2011).

Con termini più semplici potremmo dire che in pratica, il bambino plusdotato è colui che rispetto alla media dei coetanei ha prestazioni molto elevate nell’affrontare nuovi compiti e situazioni, maggior capacità e rapidità di memorizzazione ed utilizza adeguate strategie di apprendimento. Sono bambini che a scuola si annoiano e quindi si distraggono spesso ma se interrogati sanno esattamente cosa è stato spiegato.

A questo punto verrebbe da chiedersi: perché dovrebbe essere un problema?

La plusdotazione non è una diagnosi da identificare ma una caratteristica che crea un elevato sviluppo asincrono tra livello cognitivo e quello emotivo-relazionale manifestata inadeguatamente nei diversi contesti sociali.

A scuola ad esempio, questi bambini, tendono a sfidare gli insegnanti non rispettando le regole, sono disordinati e non hanno un metodo di studio adeguato, a volte vengono etichettati come bambini iperattivi, perché non sentendosi “nel posto giusto” sviluppano una profondità emotiva intensa, amplificano i vissuti e gli eventi con reazioni spropositate, appaiono apparentemente distaccati e anaffettivi o somatizzano con dolori fisici (percezione corporea).

E’ importante quindi creare una didattica flessibile e adeguata che li stimoli senza perdere la loro originalità e li aiuti a organizzare il loro lavoro intervenendo sulle loro potenzialità e aiutandoli a vivere le sconfitte serenamente.

Un altro aspetto non meno importante è la loro difficoltà nel creare amicizie; per questo risulta necessario un intervento psicologico che faccia comprendere al ragazzo le sue particolarità rispetto ai suoi coetanei attraverso un training sulle abilità sociali che lo aiutino a sviluppare una rete di amicizie.

Durante questo percorso è utile coinvolgere anche genitori e insegnanti avendo come obiettivo il miglioramento della vita dei bambini o ragazzi adolescenti dando spunti di riflessione che permettano di valorizzarli e di crescere serenamente.

Iole Rainò – Dott.ssa in Psicologia

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi ricevere i nuovi articoli via Mail?

Iscriviti alla nostra Newsletter e ogni mese riceverai una mail con i nuovi articoli pubblicati.

Altro da scoprire

Adulti
Dott. Alessandro De Renzi

La gestione della rabbia

La rabbia è una reazione necessaria e benefica, una risposta biologica protettiva che però può diventare un’emozione devastante capace di modificare la percezione della

Un Centro di eccellenza

Con sedi cliniche a Galatina e Casarano e professionisti partner su tutto il territorio nazionale, il Centro è un autentico polo di riferimento nel Sud Italia nell’ambito della psicoterapia, della neuropsicologia e delle neuroscienze cliniche integrate.