Genitori – Allenatori!

genitori allenano figli

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Giornata tipo di un genitore: smartphone che squilla per ricordare appuntamenti, sveglie che non danno tregua, post-it scarabocchiati con liste interminabili di cose da fare.

E poi…i bambini da accompagnare a scuola, poi il calcio, il nuoto, la danza, le ripetizioni private, lezione di piano, i compiti…eh si…perché ci teniamo che i nostri figli possano avere il meglio e, anche se ci costa dei sacrifici, troviamo il modo per sostenerli e permettere loro di diventare degli individui culturalmente preparati e virtuosi. Ammirevole (a patto che siano le aspirazioni dei figli a guidare tutto ciò e non le proprie). Ma è corretto soffermarsi esclusivamente sul piano del “fare” e “saper fare”?

Principale interesse di ogni genitore attento è sicuramente aiutare il proprio figlio ad essere all’altezza della prova più impegnativa: la vita. Essere dei buoni studenti e coltivare i propri hobbies è senza dubbio importante, ma basterà? Purtroppo spesso, presi da mille impegni quotidiani, dimentichiamo di fornire loro il principale strumento, che li aiuterà a sfruttare quel bagaglio di competenze pratiche che insistiamo tanto accumulino negli anni: l’autoconsapevolezza, ovvero la capacità di conoscere e padroneggiare le proprie emozioni.

È proprio questo fondamentale (e purtroppo troppo spesso sottovalutato) aspetto che permetterà loro di controllare gli impulsi, di sapersi motivare e quindi di saper affrontare gli alti e i bassi della vita. E come farlo se non attraverso la strategia pratica del “dare il buon esempio”?

Infatti l’educazione emozionale risulta maggiormente efficace se trasmessa non solo attraverso parole ed azioni direttamente rivolte ai propri figli, ma anche e soprattutto attraverso i modelli che gli si offrono, mostrando come noi stessi agiamo e reagiamo ai nostri stati emotivi.

Proviamo ad essere dei validi “allenatori emotivi”, mettendoci in gioco in prima persona. Indispensabile trovare il tempo (anche) per questo, quindi…aggiungiamo un nuovo post-it, tra i mille impegni: allenamento emotivo!

Una valida guida che ti aiuti a ricoprire al meglio questo ruolo potrebbe essere offerta dai consigli pratici di uno Psicologo.

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi ricevere i nuovi articoli via Mail?

Iscriviti alla nostra Newsletter e ogni mese riceverai una mail con i nuovi articoli pubblicati.

Altro da scoprire

Adulti
Dott. Alessandro De Renzi

La gestione della rabbia

La rabbia è una reazione necessaria e benefica, una risposta biologica protettiva che però può diventare un’emozione devastante capace di modificare la percezione della

Un Centro di eccellenza

Con sedi cliniche a Galatina e Casarano e professionisti partner su tutto il territorio nazionale, il Centro è un autentico polo di riferimento nel Sud Italia nell’ambito della psicoterapia, della neuropsicologia e delle neuroscienze cliniche integrate.