Il logopedista: Chi è e cosa fa.

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Sebbene in passato ci siano state figure che si sono occupate a vario titolo di linguaggio, voce e di corretta articolazione delle parole, in Italia, la professione del logopedista in quanto professionista sanitario operante nel settore riabilitativo, è relativamente giovane e in molte realtà territoriali ancora poco conosciuta.

Facciamo allora un po’ di chiarezza su questa professione.

Di cosa si occupa il logopedista?

I suoi ambiti di competenza sono determinati dal Decreto Ministeriale del 14 settembre 1994 n.742, con il quale si definisce il logopedista come “[…] l’operatore sanitario che, in possesso del diploma universitario abilitante, svolge la propria attività nella prevenzione e nel trattamento riabilitativo delle patologie del linguaggio e della comunicazione in età evolutiva, adulta e geriatrica”.

Ottenuto il titolo abilitante, il logopedista può quindi lavorare con pazienti di tutte le età e può formarsi e specializzarsi in vari ambiti, occupandosi di ciò che è inerente al linguaggio e alla comunicazione, come per esempio:

  • disturbi fono-articolatori (problemi “di pronuncia”);
  • ritardo/disturbo del linguaggio;
  • deglutizione disfunzionale (deglutizione “atipica”);
  • disturbi dell’apprendimento (DSA) – dislessia, disortografia, disgrafia, discalculia;
  • disturbi della fluenza verbale (es. balbuzie);
  • disfonie (alterazioni della voce);
  • disartrie (alterazioni della produzione verbale conseguenti a danni neurologici);
  • afasie (alterazioni della comprensione e/o produzione del linguaggio conseguenti a danni neurologici);
  • demenze;
  • ipoacusia (perdita dell’udito);
  • autismo;
  • ADHD;
  • comunicazione aumentativa alternativa (CAA) (ausili per disturbi della comunicazione).

Inoltre, sebbene non sia specificato nel profilo professionale, il logopedista è il terapista che si occupa maggiormente di disfagia, ovvero dei disturbi relativi alla deglutizione e/o all’alimentazione.

Con chi opera il logopedista?

Può svolgere la sua attività – presa in carico e gestione del percorso terapeutico del paziente – in totale autonomia o collaborare con altre figure come medici (pediatra, neuropsichiatra infantile, otorinolaringoiatra, neurologo, gastroenterologo, odontoiatra, fisiatra, etc.), professionisti sanitari (fisioterapisti, psicomotricisti, ortottisti, terapisti occupazionali, infermieri, etc.), psicologi e psicoterapeuti, in base alla patologia o al disturbo del paziente.

Dott.ssa Sara Polimeno

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi ricevere i nuovi articoli via Mail?

Iscriviti alla nostra Newsletter e ogni mese riceverai una mail con i nuovi articoli pubblicati.

Altro da scoprire

Adulti
Dott. Alessandro De Renzi

La gestione della rabbia

La rabbia è una reazione necessaria e benefica, una risposta biologica protettiva che però può diventare un’emozione devastante capace di modificare la percezione della

Un Centro di eccellenza

Con sedi cliniche a Galatina e Casarano e professionisti partner su tutto il territorio nazionale, il Centro è un autentico polo di riferimento nel Sud Italia nell’ambito della psicoterapia, della neuropsicologia e delle neuroscienze cliniche integrate.