Recensione Libro “Se ti abbraccio non aver paura”

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

“Per certi viaggi non si parte mai quando si parte. Si parte prima. A volte molto, molto prima. Sono bastate poche parole: probabilmente suo figlio è autistico”.

Inizia così quello speciale Viaggio raccontato nel libro, sotto forma di diario, “Se ti abbraccio non aver paura” dell’autore Fulvio Ervas. Una storia realistica che ha come protagonisti un padre e suo figlio autistico, Franco e Andrea che intraprendono un viaggio che parte da molto lontano, un viaggio dentro al loro viaggio che si dirama su molteplici direzioni: il viaggio inseguendo terapie, il viaggio interiore di un padre, il viaggio dentro al mondo inesplorato e per certi versi sconosciuto dell’autismo che ha inizio con una diagnosi confermata. E il viaggio dentro Andrea, un ragazzo di 17 anni che non ha difese, non ha barriere, assorbe tutto come una spugna e basta guardarlo per capire che ha un’intimità diversa, tutta sua, con la realtà. Una realtà disconnessa, quasi assente, con la quale mettersi in contatto è veramente difficile, la sua comunicazione risulta limitata alla pronuncia di parole secche e le sue risposte risuonano meccaniche riprendendo parte della domanda.

Quello che lascia trapelare è chiaro, è l’alchimista che distilla poche parole ma un grande eco: “Bisogna solo imparare a sentire”.

Ecco, questo diario è il risultato di una grande forza, di un grande coraggio, quello di un genitore che, in un giorno qualunque, si è visto crollare il mondo addosso quando la diagnosi è arrivata come un fulmine nel suo cielo sereno.

E’ l’esempio di come tutti, nella nostra vita possiamo incontrare un momento di difficoltà, possiamo fare i conti con la malattia e la disabilità, e restarne totalmente impreparati.

Si, perché certi “verdetti” non sono acqua fresca che ci scivola addosso ma logorano dentro, frammentano piano piano, uccidono.

Non è come tagliare l’erba con la convinzione che poi ricrescerà.

Trasformano l’esistenza dell’individuo modificando le relazioni familiari e sociali, turbano l’identità, gli abituali ritmi di vita vengono stravolti e in alcuni casi interrotti e si entra in uno stato di crisi sia col mondo esterno che con il proprio corpo e vissuto.

E’ vita che passa davanti agli occhi in una frazione di secondo, si scatenano vere e proprie tempeste emozionali: è paura, è dolore, è rabbia e frustrazione, è incomprensione e isolamento, è incredulità. E’ tutto.

“Funziona che la vita sta tutta sotto una grande curva a campana, con al centro disturbi comuni e ai lati stravaganze d’ogni sorta. La vita è diluita nel mezzo e troppo densa ai lati. La vita è imperfetta, ma ha una sua forza.”

In situazioni come queste, in cui eventi drammatici e difficili o malattie irrompono nella nostra vita, non è semplice saper gestire il carico emotivo che comportano, ci si sente smarriti e disorientati. Si affollano nella mente una serie di inutili e dannosi sensi di auto-consapevolezza e vittimismo che non aiutano a rispondere a quelle pressanti domande: Cosa ho fatto di male per meritarmi questo? Perché proprio a me?

A tal proposito, il libro vuole dare un chiaro e vero esempio di come, a volte, tutto il dolore possa tramutarsi in forza e coraggio. Un invito a non mollare, a non arrendersi ma a combattere senza avere la paura di farsi vedere per quello che siamo, fragili e umani. Fondamentale è cercare di vedere verso una nuova prospettiva senza lasciarsi sopraffare dal dolore ma iniziare a conviverci preparando un “piano di sopravvivenza”.

Questo è quello che ha fatto un padre, ha lottato per e con suo figlio con coraggio, ha stravolto la sua vita, ha messo in pratica il loro piano di sopravvivenza e sono andati lontano, molto lontano. Affrontando un fantastico viaggio attraverso l’America che ha permesso loro di incontrarsi e fondersi con le etnie e con i costumi più variegati del continente, nonostante le difficoltà di Andrea il quale è consapevole del suo stato di salute e presenta alcuni momenti di lucidità in cui arriva ad affermare di essere “un uomo imprigionato nei pensieri di libertà”. Il tutto accompagnato dal significato profondo, reale e metaforico del gesto di un “abbraccio”. Perché i legami sono fondamentali, rappresentano un forte sistema di supporto. Avere accanto familiari, amici ma anche figure professionali alle quali possiamo rivolgerci per un confronto di ascolto e supporto è fondamentale. Punto di forza è l’Amore definito come la migliore medicina che crea, insieme al resto, le condizioni ideali per innescare una ristrutturazione positiva del sé.

“Se ti abbraccio non aver paura” è un’avventura grandiosa, difficile, imprevedibile.

Come Andrea.

“La speranza è un essere piumato che si posa sull’anima, canta melodie senza parole e non finisce mai”.

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi ricevere i nuovi articoli via Mail?

Iscriviti alla nostra Newsletter e ogni mese riceverai una mail con i nuovi articoli pubblicati.

Altro da scoprire

Adulti
Dott. Alessandro De Renzi

La gestione della rabbia

La rabbia è una reazione necessaria e benefica, una risposta biologica protettiva che però può diventare un’emozione devastante capace di modificare la percezione della

Un Centro di eccellenza

Con sedi cliniche a Galatina e Casarano e professionisti partner su tutto il territorio nazionale, il Centro è un autentico polo di riferimento nel Sud Italia nell’ambito della psicoterapia, della neuropsicologia e delle neuroscienze cliniche integrate.