Stress in gravidanza: quali conseguenze?

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Recenti studi hanno dimostrato che una buona salute mentale della donna durante la gravidanza sia direttamente connessa ad esiti ottimali nel bambino (Phua et al., 2017): se la madre affronta con positività i mesi di gestazione, migliori risultano, infatti, lo sviluppo cognitivo, linguistico, socio-emotivo e motorio del bambino.

Lo stress in gravidanza percepito dalla madre e quindi i suoi pensieri sulla propria capacità di gestire i problemi quotidiani può avere un effetto significativo sul figlio anche a distanza di molti anni, attraverso dei cambiamenti epigenetici, connessi alla disregolazione dell’asse Ipotalamo-Ipofisi-Surrene (Moisiadis e Matthews, 2014), che possono avere persino una ricaduta transgenerazionale (Metz et al., 2015).

I possibili esiti nel bambino comprendono problemi emotivi e comportamentali (Glover, 2014; Van den Bergh et al., 2017), come un temperamento problematico nel neonato (irregolarità nei cicli di sonno e dei comportamenti alimentari, crisi di pianto e difficoltà a calmarsi) e un maggior rischio di sintomi internalizzanti ed esternalizzanti in infanzia e adolescenza (ansia, depressione, ADHD, disturbi comportamentali, ecc.).

Gli effetti sopra riportati possono essere contenuti o esacerbati dal tipo di cure assicurate al bambino dopo la nascita: un attaccamento di tipo sicuro risulta altamente protettivo (Bergman et al., 2008, 2010).

Affinchè il livello di stress percepito durante e nel periodo immediatamente successivo alla gravidanza possa ridursi, con notevoli benefici per il funzionamento della diade madre-bambino, di notevole importanza risultano un valido supporto da parte del partner, un sostegno sociale adeguato e la guida di un professionista che operi nel campo della Psicologia perinatale.

Avere consapevolezza delle difficoltà emotive e pratiche a cui la gravidanza, il parto e la nascita del bambino possono condurre e avere delle strategie per affrontarle ne riduce l’imprevedibilità, diminuendo ansia e stress.

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi ricevere i nuovi articoli via Mail?

Iscriviti alla nostra Newsletter e ogni mese riceverai una mail con i nuovi articoli pubblicati.

Altro da scoprire

Adulti
Dott. Alessandro De Renzi

La gestione della rabbia

La rabbia è una reazione necessaria e benefica, una risposta biologica protettiva che però può diventare un’emozione devastante capace di modificare la percezione della

Un Centro di eccellenza

Con sedi cliniche a Galatina e Casarano e professionisti partner su tutto il territorio nazionale, il Centro è un autentico polo di riferimento nel Sud Italia nell’ambito della psicoterapia, della neuropsicologia e delle neuroscienze cliniche integrate.