I tic nervosi nei bambini: come si manifestano? Cosa fare?

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Durante l’infanzia, a volte, possono svilupparsi dei tic nervosi nei bambini, come scuotere la testa, tossire, fare delle facce buffe o dire ad alta voce alcune parole.

Spesso è un fenomeno transitorio che può risolversi col tempo se gestito con accortezza.

Circa il 10% della popolazione manifesta dei tic nel corso dell’infanzia e dell’adolescenza. Generalmente esordiscono tra i 4 e 7 anni, raggiungendo un picco di intensità in pre – adolescenza, per poi ridursi notevolmente nella maggior parte dei casi in tarda adolescenza o nella prima età adulta.

Rispetto alle cause, spesso si è riscontrata una familiarità e sono stati identificati dei fattori ambientali che possono contribuire alla loro insorgenza.

Nonostante la loro natura spesso benigna, i tic nervosi nei bambini possono rappresentare un problema notevole anche per le loro famiglie, causando disagi nella vita personale, sociale e familiare.

Talvolta, interferiscono con lo svolgimento delle attività scolastiche e di svago, rendono difficoltoso l’addormentamento o determinano il ritiro dalle attività sociali riducendo l’autostima del bambino.

Come dovrebbero comportarsi i genitori?

Innanzitutto evitando di mettere in evidenza i tic quando si manifestano perché notare ed evidenziare potrebbe innescare un circolo vizioso che alimenta il tic. Non sgridare in nessun modo il bambino: nonostante sia consapevole dei movimenti, i tic sono incontrollati, per cui rimproverandolo, aumenterà il senso di vergogna e frustrazione.

Quello che invece risulta utile è cercare di osservare quando compaiono maggiormente i tic, in quali occasioni e contesti. Capire alcuni segnali può aiutare a identificare meglio lo stato emotivo del bambino per adottare un atteggiamento non giudicante e comprensivo.

È necessario, soprattutto quando i tic sono persistenti, consultare uno psicologo dell’età evolutiva per intraprendere un intervento specifico ed efficace.  Le recenti tecniche comportamentali sviluppate per il trattamento dei sintomi ticcosi, quali l’Habit Reversal Training e l’Exposure and Response Precention hanno prodotto risultati efficaci per la risoluzione del problema.

BIBLIOGRAFIA: Verdellen C.W., Van De Griendt J. (2016). I tic nei bambini. Programma di intervento cognitivo- comportamentale. Trento: Erickson

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi ricevere i nuovi articoli via Mail?

Iscriviti alla nostra Newsletter e ogni mese riceverai una mail con i nuovi articoli pubblicati.

Altro da scoprire

Adulti
Dott. Alessandro De Renzi

La gestione della rabbia

La rabbia è una reazione necessaria e benefica, una risposta biologica protettiva che però può diventare un’emozione devastante capace di modificare la percezione della

Un Centro di eccellenza

Con sedi cliniche a Galatina e Casarano e professionisti partner su tutto il territorio nazionale, il Centro è un autentico polo di riferimento nel Sud Italia nell’ambito della psicoterapia, della neuropsicologia e delle neuroscienze cliniche integrate.