Covid-19 e ADHD

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Come reagiscono i bambini e gli adolescenti con disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD) alle misure di contenimento durante la pandemia COVID-19?

Nel contesto della pandemia, studi recenti mettono in evidenza il possibile impatto negativo delle misure di contenimento sulla salute mentale della popolazione generale, in particolar modo della popolazione pediatrica.

I bambini e gli adolescenti con disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD) sono potenzialmente un gruppo vulnerabile; la fine improvvisa della scuola, l’aumento del tempo trascorso in famiglia e l’ansia legata alla crisi sanitaria ed economica sono fattori che possono influenzare i loro sintomi.

L’obiettivo dello studio, condotto in Francia, è quello di analizzare le percezioni dei genitori sulla salute mentale dei loro figli con ADHD durante la pandemia.

Cinquecentotrentotto genitori hanno risposto ad un sondaggio online anonimo offerto tramite i social network o pubblicato su siti web di associazioni per soggetti con ADHD.

Dalle loro risposte è emerso che la maggior parte dei bambini e degli adolescenti con ADHD, durante la fase di contenimento, ha ottenuto una stabilità o un miglioramento del proprio benessere.

Nei commenti dei genitori è ricorrente il tema della riduzione dell’ansia. Pur mantenendo un ritmo incalzato, il fatto di non avere degli orari rigidi e di avere una minore pressione scolastica sono fonte di benessere, in quanto riducono lo stress imposto dalla vita quotidiana. Pertanto l’ansia dei bambini e degli adolescenti con ADHD sembra diminuire durante i periodi di isolamento, al contrario della popolazione pediatrica generale.

Molti genitori riferiscono un aumento dell’autostima determinato dalla riduzione dei segnali negativi che il bambino solitamente riceve nel contesto scolastico a causa del suo disturbo.

Alcuni genitori notato un miglioramento dei sintomi di disattenzione associato ad un aiuto personalizzato dovuto alla loro presenza, un programma flessibile e un ambiente con pochi distrattori favorevole per il bambino.

Inoltre, i genitori ritengono che il “contenimento ideale” sarebbe una casa con giardino dove il bambino possa dare libero sfogo alla sua iperattività motoria.

La principale sfida per i genitori non è legata all’ansia da Covid né ai vincoli di contenimento, bensì alla gestione della scolarizzazione, in particolare nel momento in cui il bambino manifesta insofferenza attraverso atteggiamenti di evitamento e opposizione.

Per tale motivo, la maggior parte dei genitori considera indispensabile il consulto psicologico online, che descrive come un’esperienza positiva. Riferiscono, infatti, di essere stati rassicurati dall’ascolto e dalla disponibilità dei vari professionisti, sostenendo la necessità di una più ampia diffusione di questa pratica.

Articolo a cura di Federica Casciaro – Dottoressa in Psicologia del Ciclo di vita e dei Contesti

Bibliografia

https://doi.org/10.1016/j.encep.2020.05.011

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi ricevere i nuovi articoli via Mail?

Iscriviti alla nostra Newsletter e ogni mese riceverai una mail con i nuovi articoli pubblicati.

Altro da scoprire

Adulti
Dott. Alessandro De Renzi

La gestione della rabbia

La rabbia è una reazione necessaria e benefica, una risposta biologica protettiva che però può diventare un’emozione devastante capace di modificare la percezione della

Un Centro di eccellenza

Con sedi cliniche a Galatina e Casarano e professionisti partner su tutto il territorio nazionale, il Centro è un autentico polo di riferimento nel Sud Italia nell’ambito della psicoterapia, della neuropsicologia e delle neuroscienze cliniche integrate.