La mia vita in una bolla d’ansia

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

L’ansia sale, l’aria inizia a mancare e aumentano le palpitazioni: è il campanello d’allarme dell’ennesimo attacco di panico. Provi a tranquillizzarti, ma le gambe tremano, il sudore viene giù freddo e il pensiero è sempre lo stesso: “sto per morire”.

Ogni minuto sembra durare un’eternità, il cervello va a mille, ma la preoccupazione maggiore è tentare di nasconderlo al resto del mondo.

Questo è ciò che proviamo ogni volta che un attacco di panico si presenta a farci visita.

Sarebbe più facile gridare aiuto senza vergogna o paura del giudizio, senza limitarsi a parlare solo con chi, con consapevolezza, accoglie lo sfogo come cura.

Purtroppo la poca conoscenza di questi o altri disturbi portano ad un giudizio superficiale e a dei consigli altrettanto fuori luogo, primo tra tutti: “tranquillo, non è niente, pensa a una cosa bella”, come se l’attacco di panico potesse risolversi con una tisana o una sigaretta. Di fronte a questi atteggiamenti la reazione più naturale è quella del nervoso, della rabbia e della frustrazione di sentirsi sbagliati e incompresi, insieme alla voglia di tenersi tutto dentro e scomparire da un mondo privo di empatia. Gli anni scolastici sono stati i peggiori: difficile forse pensare come un ragazzo sempre sorridente e socievole possa in un attimo cambiare umore senza un apparente motivo.

A niente servivano le richieste di abbandonare l’aula durante le crisi: per molti insegnanti erano scuse per non seguire la lezione o per farsi la passeggiata in corridoio. Quando mi veniva negato il permesso di allontanarmi dalla classe tendevo a innervosirmi, non mi capacitavo del fatto che non comprendessero ciò che mi succedeva, mi sentivo morire dentro. La continua esposizione a questi episodi che mi causavano disagio, perdita di autostima e fiducia negli altri, mi influenzò nella scelta di lasciare la scuola. Con il passare del tempo ho imparato ad accettarmi, ansia compresa, con la consapevolezza che è parte di me e devo prendermene cura per conviverci.

Ad oggi so che è difficile, quasi impossibile, essere compreso da tutti, ma ho imparato che spesso si incontrano anche persone disposte ad ascoltarti e aiutarti.

Nel 2016, fase critica in cui tutti i giorni erano segnati dalla presenza ingombrante degli attacchi di panico, mi consigliarono la psicoterapia, parlavano di biofeedback e mindfulness, ma reduce da numerosi psicologi con annesse terapie farmacologiche, non gli diedi molto peso, stanco di non ottenere nessun miglioramento. Un giorno decisi di fare un ultimo tentativo e andai al primo incontro con il dott. Ciccarese, che riuscì subito a coinvolgermi e a guadagnarsi così la mia fiducia. Ad oggi so che non avrei potuto fare scelta migliore. Mentirei se dicessi che gli attacchi di panico sono scomparsi completamente, ma i benefici che si ottengono possono cambiarti la vita: ora so gestire l’ansia e le impedisco di distruggere ogni mia giornata. Data quest’esperienza, che oggi condivido con piacere, il mio consiglio è:  non abbiate paura di farvi seguire da un professionista, chi va dallo psicologo non è un pazzo, ma una persona che ha preso in mano la sua vita e ha il coraggio di chiedere aiuto.

Nessuno si salva da solo, per questo so che la soluzione è tutta lì, nell’ascolto sensibile delle fragilità altrui.

Testo e Foto
Mattia Margari

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi ricevere i nuovi articoli via Mail?

Iscriviti alla nostra Newsletter e ogni mese riceverai una mail con i nuovi articoli pubblicati.

Altro da scoprire

Adulti
Dott. Alessandro De Renzi

La gestione della rabbia

La rabbia è una reazione necessaria e benefica, una risposta biologica protettiva che però può diventare un’emozione devastante capace di modificare la percezione della

Un Centro di eccellenza

Con sedi cliniche a Galatina e Casarano e professionisti partner su tutto il territorio nazionale, il Centro è un autentico polo di riferimento nel Sud Italia nell’ambito della psicoterapia, della neuropsicologia e delle neuroscienze cliniche integrate.