La rottura del patto coniugale: il divorzio

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Il divorzio è un evento paranormativo che traumatizza tutte le aree del legame, essendo un processo intrapsichico, di coppia, familiare e sociale. Il legame deve essere considerato come una classe di relazione comprendente due aree: l’area delle relazioni interiorizzate, ovvero le rappresentazioni del legame con le figure genitoriali e con gli adulti di riferimento e l’area delle relazioni familiari, che comprende una triplice differenziazione tra le famiglie d’origine di padre e madre, tra i sessi e tra le generazioni. E’ su questa triplice differenza che si fonda l’identità delle relazioni familiari.

Il patto coniugale impegna e vincola reciprocamente la coppia che lo stipula, poiché si basa su tre legami fondamentali: coniugale, genitoriale e intergenerazionale. Esso si fonda su un duplice processo: da un lato il patto dichiarato, di impegno e reciprocità solidale, rappresenta un ideale di famiglia sana; dall’altro il patto segreto, un aspetto celato, rappresenta la vera dimensione intima di coppia, un sistema di valori e credenze condiviso esclusivamente da quella coppia.

Le coppie che arrivano alla fine del patto riescono a sciogliere più facilmente il patto dichiarato a livello dell’impegno, mentre incontrano maggiori difficoltà rispetto alla fine del patto segreto. La conseguenza di ciò è il legame disperante, per cui uno dei membri non riesce a smettere di sperare in quel legame. Chi lascia è assalito da sentimenti di colpa e di vergogna, mentre chi è lasciato da sentimenti di abbandono, rifiuto e smarrimento.

In presenza di figli il compito sembra ancora più critico, poiché un figlio può prescindere dai singoli genitori e dal loro patto, ma non dalla qualità del loro legame genitoriale. La ricerca indica come i figli di coppie divorziate abbiano una maggiore difficoltà a gestire un legame di coppia se i genitori non avevano integrato in modo costruttivo il nuovo legame: non più coniugale, ma genitoriale (Hetherington, 1993).

Nell’approccio relazionale-simbolico della famiglia (Scabini, Cigoli, 1991; Cigoli, 1992, 1997, 1998; Scabini, Cigoli, 1998) il divorzio è vissuto come una prova sostenuta dalla relazione, come se fosse un transito-passaggio-rituale che chiama in causa molteplici aspetti circostanti la coppia, le famiglie d’origine e il contesto sociale.

Quali sono le forme attraverso cui il patto coniugale finisce?

La fine del patto comprende quattro forme differenti:
– Fallimento dell’incastro, caratterizzata per la contraddittorietà tra patto dichiarato e patto segreto: le persone danno per scontato il patto dichiarato e non riescono a integrare il patto segreto. Ogni coniuge cerca di imporre all’altro il proprio bisogno e lo considera come compagno-coniuge solo se soddisfa le proprie necessita? affettive. Anche con la nascita di un figlio i coniugi mettono in atto tentativi di triangolazione familiare, piuttosto che perseguire un obiettivo comune nella responsabilità e nell’impegno reciproco di crescere il proprio figlio:

manca la mutualità (Lyman Wynne, 1993), ovvero quel tenersi per mano nell’esplicare un compito comune;

– Esaurimento del compito assegnato al legame, in questo caso l’incastro tra patto dichiarato e

patto segreto è riuscito, ciò che è fallito è il rilancio del patto. L’impossibilità di rilanciare il patto coniugale causa l’esaurimento del compito intrinseco al legame a livello del patto segreto, più che al livello del funzionamento familiare. Se l’esaurimento del compito è percepito da entrambi i coniugi essi si sosterranno reciprocamente, soprattutto per la gestione del legame generazionale, senza, tuttavia, negare il dolore; mentre coloro che non sono consapevoli dell’esaurimento del compito vivono la fine del rapporto come intollerabile, generando una lotta disperata tra ex-coniugi;

– Evento critico sconcertante, questa tipologia di divorzio avviene solitamente a ridosso dell’attesa e della nascita di un figlio. La trasformazione che un figlio comporta nella relazione coniugale, in quanto terzo, è in grado di far saltare il patto. Tuttavia, l’avvenimento sconcertante può anche riferirsi all’incontro con una terza persona da parte di un membro della coppia: il patto stipulato con questa persona entra in conflitto con quello coniugale, pertanto porta quasi sempre al divorzio come epilogo.

– Debolezza di pattuizione, in questa tipologia è il patto dichiarato ad essere poco considerato. Possiamo parlare di un attacco della coppia alla continuità della propria intimità, la noia e il dolore diventano l’ingrediente principale del legame (ad esempio coppie sposate che accettano come patto segreto lo scambio di coppia ed eventuali rispettivi amanti). La debolezza è sottolineata dal fatto che basta l’attribuzione all’altro di qualche difetto o limite per far saltare il patto coniugale.

Uno degli obiettivi della terapia sistemico familiare è quello di venire incontro alle esigenze e ai bisogni della famiglia provata dal divorzio, tramite l’incoraggiamento del rapporto tra la gestione della fine del patto e il legame generazionale che si trova al centro del conflitto durante la separazione. E’ necessario, in questo passaggio, tenere conto della differenza dei contesti nella famiglia divisa: è importante rinegoziare i confini familiari, soprattutto in presenza di figli, per non rischiare un’assimilazione o diniego degli stessi da parte di uno dei coniugi coinvolti.

Per approfondire:

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi ricevere i nuovi articoli via Mail?

Iscriviti alla nostra Newsletter e ogni mese riceverai una mail con i nuovi articoli pubblicati.

Altro da scoprire

Adulti
Dott. Alessandro De Renzi

La gestione della rabbia

La rabbia è una reazione necessaria e benefica, una risposta biologica protettiva che però può diventare un’emozione devastante capace di modificare la percezione della

Un Centro di eccellenza

Con sedi cliniche a Galatina e Casarano e professionisti partner su tutto il territorio nazionale, il Centro è un autentico polo di riferimento nel Sud Italia nell’ambito della psicoterapia, della neuropsicologia e delle neuroscienze cliniche integrate.