Rientro a scuola ai tempi del COVID – 19: dalla parte dei bambini

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Ogni anno a settembre i genitori hanno il compito di preparare i loro figli al rientro a scuola, di solito questo significa acquistare i libri e materiale scolastico, terminare i compiti per le vacanze, organizzarsi con i nuovi orari, con le attività extra scolastiche e aiutare i bambini a fronteggiare l’eccitazione e le preoccupazioni del rientro a scuola. Il Covid – 19 ha aggiunto quest’anno una preoccupazione in più, senza precedenti.

Molti genitori provano emozioni contrastanti: da un lato considerano prioritario il rientro a scuola per il benessere dei bambini, dall’altro temono che i loro figli possano contrarre il virus, sono disorientati dai piani di riapertura e scettici sull’effettiva capacità, soprattutto dei più piccoli, di seguire i protocolli di distanziamento sociale.

“Avrò un compagno di banco?”, “Usciremo in cortile per la ricreazione?”, “Potrò giocare con gli altri bimbi?”

Quante domande, dubbi e interrogativi hanno i bambini, vivendo un’età caratterizzata da curiosità e desiderio di conoscenza. Le perplessità dei bambini susciteranno probabilmente forti dubbi nei genitori, già comprensibilmente provati da agitazioni e timori. Gli adulti giocano un ruolo fondamentale nell’aiutare i bambini a gestire la ripresa e devono incoraggiare un rientro sereno.

Per aiutare i bambini a sentirsi al sicuro possiamo parlare con loro spiegando, con parole adeguate alla loro età, che:

  • la disposizione di tornare a scuola è stata condivisa da una squadra di esperti che hanno attentamente e scrupolosamente preso questa decisione;
  • tutti a scuola stanno lavorando duramente per tenere al sicuro i bambini;
  • chi non sta bene resterà a casa;
  • è normale provare emozioni contrastanti;
  • siete disponibili ad ascoltare e accogliere le loro preoccupazioni;

E quando i bambini torneranno a casa dopo la scuola?

Sarebbe opportuno parlare con i bambini della giornata trascorsa in classe, chiedendo loro quello che hanno apprezzato e se qualcosa li ha spaventati o agitati. I bambini potrebbero anche sentirsi più stanchi o vivere con disagio il distacco dai genitori, sarebbe utile organizzare, quindi delle attività pomeridiane tranquille in famiglia per ricaricarsi e riposarsi.

Lo studio condotto dall’Istituto Gaslini di Genova durante il lockdown evidenzia che i livelli di gravità dei comportamenti disfunzionali dei bambini/ragazzi coinvolti nella ricerca correlano significativamente con il grado di malessere esperito dai genitori. All’aumentare dei sintomi ansiosi e dello stress nei genitori, si è evidenziato un aumento dei disturbi comportamentali e della sfera emotiva negli adolescenti.

Sebbene sia comprensibile che i genitori si sentano insicuri e nervosi è importante cercare di modellare atteggiamenti calmi e fiduciosi sul ritorno a scuola e veicolare messaggi rassicuranti e positivi.

In conclusione, il rientro a scuola ai tempi del COVID quest’anno sarà diverso, ma possiamo aiutare i bambini a sentirsi al sicuro, ascoltando e validando le loro preoccupazioni, insegnando loro strategie di coping, rivedendo i protocolli di sicurezza e supportandoli quando si sentono in difficoltà. I genitori possono cogliere questa occasione per aiutarli a sviluppare competenze utili per affrontare le sfide della quotidianità.

Foto: Scuola foto creata da freepik – it.freepik.com

Riferimenti sitografici:
https://theconversation.com/
https://www.psychology.org.au/

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi ricevere i nuovi articoli via Mail?

Iscriviti alla nostra Newsletter e ogni mese riceverai una mail con i nuovi articoli pubblicati.

Altro da scoprire

Adulti
Dott. Alessandro De Renzi

La gestione della rabbia

La rabbia è una reazione necessaria e benefica, una risposta biologica protettiva che però può diventare un’emozione devastante capace di modificare la percezione della

Un Centro di eccellenza

Con sedi cliniche a Galatina e Casarano e professionisti partner su tutto il territorio nazionale, il Centro è un autentico polo di riferimento nel Sud Italia nell’ambito della psicoterapia, della neuropsicologia e delle neuroscienze cliniche integrate.