Comprendere la tricotillomania

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

La tricotillomania è un disturbo spesso sottodiagnosticato e poco noto, soprattutto in Italia: il DSM 5 riferisce che il disturbo colpisce circa l’1-2% della popolazione ma i dati appaiono contrastanti e il disagio legato allo strappamento di peli e capelli sembra essere molto più frequente. Da quando alcuni personaggi famosi, come la cantante Arisa, hanno rivelato di avere questo problema, l’opinione pubblica appare più interessata e attenta al disagio. La tricotillomania si caratterizza per lo strappo ripetitivo di capelli e/o peli e rientra nella categoria denominata “Disturbo ossessivo – compulsivo e Disturbi Correlati” (DSM -5; APA, 2013).

I criteri diagnostici per la diagnosi di tricotillomania proposti dal DSM – 5 sono i seguenti:

  • Ricorrente strapparsi capelli e/o peli, con conseguente perdita degli stessi;
  • Ripetuti tentativi di ridurre o interrompere tale comportamento;
  • Il comportamento causa disagio clinicamente significativo o compromissione dell’area sociale, lavorativa o di altre aree importanti del funzionamento;
  • Strapparsi i capelli o la perdita dei capelli non sono determinati da un’altra condizione medica;
  • Strapparsi i capelli non è meglio spiegato dalla presenza di un altro disturbo mentale (APA 2013).

La letteratura di riferimento è concorde nell’individuare due principali sottotipi: focalizzato (focused- pulling) e automatico (automatic – habitual pulling). Mentre lo stile focalizzato è intenzionale e la persona ricerca e strappa consapevolmente peli e/o capelli per gestire emozioni o eventi negativi, chi attua lo stile automatico non è consapevole. La persona con stile automatico non riconosce il comportamento mentre lo realizza ma se ne rende conto solo in un secondo momento, quando l’atto è stato terminato.

La tricotillomania può determinare sgradevoli conseguenze fisiche che possono includere: sanguinamento o irritazione del cuoio capelluto, infezioni cutanee, alopecia e difficoltà nella crescita dei capelli. In alcuni casi i capelli/peli vengono ingeriti causando patologie a livello intestinale. Ingerire peli e capelli può comportare disagio e sentimenti di vergogna tanto da compromettere la possibilità di rivolgersi ad uno specialista, aggravando la sintomatologia presente.

La tricotillomania spesso è associata ad altre condizioni psicopatologiche: disturbi d’ansia, depressione maggiore, disturbi alimentari e/o disturbi da uso di sostante, disturbo ossessivo compulsivo e disturbi dello spettro ossessivo compulsivo.

Attualmente gli studi di efficacia per il trattamento della tricotillomania non sono molti ma è evidente che l’integrazione di tecniche cognitive e comportamentali sia l’approccio più efficace.

BIBLIOGRAFIA

Bottesi G., Cerea S., Ghisi M., 2019, Tricotillomania: Diagnosi, assessment e trattamento cognitivo comportamentale integrato, Erickson

Credit photo pixabay

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi ricevere i nuovi articoli via Mail?

Iscriviti alla nostra Newsletter e ogni mese riceverai una mail con i nuovi articoli pubblicati.

Altro da scoprire

Adulti
Dott. Alessandro De Renzi

La gestione della rabbia

La rabbia è una reazione necessaria e benefica, una risposta biologica protettiva che però può diventare un’emozione devastante capace di modificare la percezione della

Un Centro di eccellenza

Con sedi cliniche a Galatina e Casarano e professionisti partner su tutto il territorio nazionale, il Centro è un autentico polo di riferimento nel Sud Italia nell’ambito della psicoterapia, della neuropsicologia e delle neuroscienze cliniche integrate.