L’evoluzione della terapia cognitivo-comportamentale: le tre generazioni

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

L’intervento cognitivo-comportamentale è un trattamento psicoterapeutico ampiamente diffuso.

È considerato molto valido da un punto di vista scientifico, data la notevole e consolidata quantità di ricerche empiriche a livello internazionale che ne confermano l’efficacia.

Nata negli anni Sessanta con Ellis e Beck, la psicoterapia cognitivo-comportamentale ha subito nel tempo una complessa evoluzione, con lo sviluppo di nuove tecniche e di nuovi metodi sempre più mirati agli obiettivi terapeutici.

Nella terapia cognitivo-comportamentale si distinguono tre generazioni, conosciute anche come “ondate”.

L’approccio psicoterapeutico di prima generazione fa riferimento alla terapia comportamentale (Behavior Therapy), il cui principale oggetto di studio è il trattamento dei comportamenti problematici e dei sintomi. In seguito a ricerche sperimentali che hanno impiegato le leggi dell’apprendimento – che possono essere riassunte in condizionamento classico e condizionamento operante – sono state realizzate le corrispondenti applicazioni cliniche.

Uno degli strumenti più utilizzati da questo approccio è l’analisi funzionale del sintomo, condotta attraverso l’ABC comportamentale: A corrisponde agli antecedenti situazionali, ovvero a quelle situazioni stimolo che possono elicitare o che precedono un comportamento; B rappresenta il comportamento disadattivo e inadeguato su cui intervenire; C ne indica le conseguenze all’interno del contesto in cui il paziente è inserito. L’analisi funzionale del sintomo permette, dunque, di studiare il comportamento sulla base degli stimoli che lo elicitano e dei rinforzi che lo seguono.

Intorno agli anni Sessanta nasce un nuovo paradigma, che non si occupa solo dell’osservazione dei comportamenti, ma pone la sua attenzione sui contenuti e sulla forma dei pensieri: la teoria cognitivo-comportamentale. In tale prospettiva, gli eventi esterni fungono da stimolo, attivando dei pensieri che a loro volta influenzano le nostre reazioni emotive e i nostri comportamenti. Partendo, dunque, da pensieri disfunzionali e distorsioni cognitive, il terapeuta si adopera per renderli più funzionali attraverso la ristrutturazione cognitiva delle credenze patogene, organizzate in schemi che il soggetto utilizza per operare una lettura della realtà.

I pensieri, pertanto, sono indagati attraverso l’ABC cognitivo: con A si fa riferimento agli eventi e alle situazioni attivanti; B rappresenta il pensiero; con C si indicano le risposte emotive, somatiche e comportamentali del paziente.

Infine, negli ultimi anni abbiamo assistito alla nascita della cosiddetta terza ondata, all’interno della quale due pilastri fondamentali sono l’ACT (Acceptance and Commitment Therapy) e la Mindfulness.

Prima di approfondirne l’aspetto tecnico, viene di seguito riportato un caso clinico di età evolutiva che ne introdurrà gli aspetti pregnanti.

CASO CLINICO – Filippo, 8 anni, ha paura che di notte i ladri possano entrare in casa. Nello specifico, teme di svegliarsi durante la notte, di provare a cercare i suoi genitori e di non trovarli. Non riesce a dormire da solo e ha bisogno che qualcuno lo conforti.

Durante un colloquio, il terapeuta chiede a Filippo di provare a disegnare le sue paure. Una volta terminato il disegno, lo invita ad appuntare il seguente pensiero: “Userò questo disegno la sera per abituarmi sempre di più ai brutti pensieri”.

Analizzando la parola “abituarmi”, possiamo individuare un aspetto fondamentale dell’approccio psicoterapeutico di terza generazione: il processo di accettazione.

Il cuore dell’approccio della terza generazione e nello specifico dell’ACT, infatti, è costituito dall’esagono della flessibilità psicologica (o Esaflex).

Sperimentare i sei vertici dell’esagono rende il paziente più flessibile e meno rigido nelle sue concettualizzazioni. Nello specifico:

  • la defusione è la capacità di prendere le distanze da pensieri disfunzionali, cercando di attenuare la tendenza a fondersi con i contenuti dei propri pensieri;
  • l’accettazione è la capacità di lasciare spazio ai pensieri e alle emozioni, anche negativi e dolorosi. La sofferenza psicologica, infatti, non deriva solo dal contenuto dei messaggi negativi della mente, ma anche dal tentativo di contrastarli e reprimerli;
  • il contatto con il momento presente è la capacità di sperimentare i propri pensieri nel qui ed ora. Ciò porta il paziente al riconoscimento dei suoi valori;
  • i valori sono i principi importanti per il paziente, che lo motivano al cambiamento;
  • l’azione impegnata è la capacità di perseguire i propri valori;
  • il sé come contesto è il processo di riconoscimento di sé che va oltre al contenuto dei propri pensieri. Il soggetto non si concentra e non si fonde con le etichette legate ad esperienze passate, ma impara ad osservarsi in un determinato contesto.

È proprio nel contatto con il momento presente che sono racchiuse le pratiche connesse con la Mindfulness – l’attenzione consapevole. Essa ha lo scopo di far sviluppare una maggiore consapevolezza dei pensieri e delle emozioni personali nel momento presente.

Alla luce dell’excursus trattato, emerge come la terapia cognitivo-comportamentale, quindi, si componga di molteplici tecniche e protocolli di intervento. È fondamentale, tuttavia, sottolineare come ciascuna delle tre generazioni non miri a sostituire le precedenti. Al contrario, si aggiunge ad esse e le integra, favorendo un’applicazione più efficace del trattamento. 

Federica Raho
Psicologa

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Questo articolo ha 2 commenti.

  1. Maria Teresa Lezzi

    L’articolo è estremamente interessante. L’analisi dettagliata e la singolare chiarezza espositiva consentono di approcciarsi al tema con l’attenzione che merita.
    Genitori e insegnanti, in particolare, possono farne tesoro.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi ricevere i nuovi articoli via Mail?

Iscriviti alla nostra Newsletter e ogni mese riceverai una mail con i nuovi articoli pubblicati.

Altro da scoprire

Un Centro di eccellenza

Con sedi cliniche a Galatina e Casarano e professionisti partner su tutto il territorio nazionale, il Centro è un autentico polo di riferimento nel Sud Italia nell’ambito della psicoterapia, della neuropsicologia e delle neuroscienze cliniche integrate.